Guide Il talamo delle farfalle: 206 (Linferno) (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online Il talamo delle farfalle: 206 (Linferno) (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with Il talamo delle farfalle: 206 (Linferno) (Italian Edition) book. Happy reading Il talamo delle farfalle: 206 (Linferno) (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF Il talamo delle farfalle: 206 (Linferno) (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF Il talamo delle farfalle: 206 (Linferno) (Italian Edition) Pocket Guide.

There are no further allegorical, liturgical or philosophical significances to this con-credendo, with prefix? They do not accompany him up onto the stage to confront the huckster-performer wearing the shabby jacket? After fleeing the lower levels of the theater that has flooded with water, the narrator climbs flight-of-stairs after flight-of-stairs, opens door after door, and meets a card-reader with cards all laid out on a table; is this card-reader a man or a woman?

The translator wants to get this exactly right. How can I explain it? He was in great pain. Each word cost him. Not a small plate. Not a huge plate. Is this an evocation of a particular line of po- etry? The verb tenses must be changed: His most recent collection was awarded the Campana Prize. Solitude, Outsider, Small Talk.

Each poem moves towards and resists Death. His narrators also wander into anacoluthon, that is to say ending a sentence with a different structure from that with which it began. His poems employ the rhetorical techniques that form the backbone of argu- ment: The rhetorical techniques of argument are defined in this way: The translator read it late one night, intending to phone the next day to ask if it was possible to get a copy of the music. There was a message on the answering machine.

The translator was feeding paper into a printer, catching yet more errors. Cartridge out of ink. A computer talking back: White stacks on floor, packages prepared for release to known addressees to reach the unknown interlocutor. The window was open in Milan. Here it is, he said.

I go ahead and just let him say it: This is an order! Do you need glasses? I was soaked, a faucet? Damn, could he have hypnotized me too? Small Talk I had bad dreams all night, all these snakes, how did you make this coffee? I was just about do go down to see you, and so have you finished the skirt? I say that, what are they racking their brains about? He is cur- rently on the faculty at Bennington College, where he teaches Italian literature. He also works as a writer of Italian films for DVD release. The main reason is translation. The English in the translation of the novel regularly tends to- wards the very linguistic medietas Gadda takes every possible step to avoid.

It also offers extensive com- mentary in the form of linear notes. The importance of the linguistic elaboration, indisputable in Gadda, are of primary concern to the translator. Much effort is being made in the present version to preserve the diatypes lexical variety of the original, where possible. Given the impossibility of translating into another language the aura parlativa peculiar to an environment, the translator must, however, try to conserve, in some way, the heterogeneity of registers that the introduction of colloquialisms and dialects represents. This new translation is a small part of the renewed understanding of this great literary work.

Synopsis In Fascist Rome the novel takes place in , the young police in- spector Francesco Ingravallo called don Ciccio for short , a detective-phi- losopher from the southern Italian region of Molise, is called on to investi- gate a jewel theft that has taken place in an apartment building at , Via Merulana.

Pasquale Paoli; ossia, la rotta di Ponte Nuovo by Francesco Domenico Guerrazzi - Free Ebook

In the building lives a couple, Remo and Liliana Balducci, friends of Ingravallo: Three days after the robbery, whose investigation is so far inconclusive, Ingravallo is shocked by the news that Signora Balducci has been found murdered in her home. He rushes to the scene and takes part in the preliminary inquiry, wondering whether there is any link between the two crimes. It also abounds indirectly, via remembered citations from others in speech from the mur- dered Liliana Balducci — an anomaly in a novel where the Signora is central, though largely silent.

Ceccherelli, backed by the other two, corroborated down to the last detail both the order received by the poor Signora, more than two months before, and the sundry phases of the readying of the fob: In all honesty, I just focus on doing my job, as above board as possible. Anyway just to be on the safe side, I chucked it right in this special drawer here I got for that stuff, just right as soon as I got it pried out of the setting with the pliers, without even laying a pinky on it, like. The pliers I ran over to the barber to have disinfected with alcohol: E come un cappone in mezzo a tanti galli!

Il ciondolo doveva consegnarlo a Giuliano in persona. Il cassiere—capo ragionier Del Bo conosceva Liliana: Like a capon in the middle of a bunch of roosters! The one you estimated at two thousand lire? I want to give that one away as a present. The one you figured was worth nine and a half thousand? You know to whom I mean! Liliana herself had insisted on explaining everything to Amaldi: Ceccherelli traced with the nail of his little finger the clean contour of the stone, green, seal mounted, that is to say slightly overhanging the setting, and backed with a thin gold plate, in order to hide and encase the uncut face.

Easier said than done. But after those three depositions in his defense by the three jewelers, that were middling enough, there was the one, better still, by the head teller of the bank: According to the bank balance on the savings account passbooks , it turned out that Liliana had withdrawn the ten thousand lire there, just on January Del Bo, the head teller, knew Liliana: Oh yes, he remembered it like yesterday: Una bella signora come lei. Domenica 20, nella mattinata, ulteriori indicazioni del Balducci ai due funzionari: Ed ecco il dente.

In dieci anni de matrimo- nio, a momenti, che, che! I medici aveveno parlato chiaro: Nice little smell, just take a whiff. Fresh from the Mint. I practically played the part of mother when he was a baby. The table, in fact, overflowed onto the shelves, and from there to the cabinets: All smoky and stifling, the charming Cacco atmosphere, in a syn- cretic little fragrance sort of like a barracks or the upper gallery of the Teatro Jovinelli: Beat the tower of Babel on a shopping day. In ten years of marriage, almost, not even a token: The doctors had laid it on the line: So that out of those ongoing disappointments, those ten years, or nearly, where the pain, the humiliation, desperation and tears had put down roots; from those use- less years of her beauty those sighs dated, those ahs, those long glances at every woman, not to mention the ones with a baby in the oven!

Er maschietto nostro de quattro chili: Avemo preso li passi avanti Ragguagli e rapporti di subalterni, parole e carta scritta: She looked at the girls; returned, in a flash as by deep-felt, despondent signal, the bold glances of young men: The pure assent of a fraternal soul: But out of the dark manger the years stampeded, one after the other, into nothingness.

That mania… for forking out double bed-sheets to the maids, insisting on putting up dowries, push- ing folks who asked for nothing better to tie the knot: Ate her heart out: Our eight pound kiddo, two pounds a month. The bride, poor kid, comes in with her guy, preceded by a belly like a hot air balloon at the fireworks at San Giovanni. Naturally they were a little embarrassed. I say to them, laughing: It was at this point, his face ashen, that Ingravallo begged leave to shove off: Reports and memoranda from subordinates, voiced or in writing: Femmine tutte, e nel ricordo e nella speranza, e nel pallore duro o ostinato della reticenza e nella porpora del non—confiteor: Roberto De Lucca shoulders sagging, with a bearing that seemed tired, absorbed.

He saw him pull a pack of cigarettes from his pocket, engrossed in unknown cares. The door closed behind him. Even that notion of wanting to die if no kid came: And now from the talk of the husband, made garrulous by hardship, by his sense of being at the center of attention and collective commiseration A hunter, he was!

Saw himself tramping in with a bagged hare, shouldering his gun, muddied boots, panting hounds , needing to get it off his chest after the blow: Buttafavi and Alda Pernetti stairway A , whose brother counted for an extra six. Females all, demon- strating that widespread sensitiveness, in consequence: Females all, both in memory and hope, and in the hard, stubborn pallor of their reticence and the purple of the non-confiteor which dottor Fumi, those days, was soliciting them to recall in detail, with the courtesy and tact which set him apart during the whole of a long and busy career the just reward of which, today, is his nomination to the position of sub-prefect of Lucunaro, adnuente Gasparo: His latest book of translations is From Adam to Adam: Giorgio Roberti Poet, essayist, translator, editor, founder and presi- dent for thirty years of the Centro Romanesco Trilussa, Giorgio Roberti energetically promoted Romanesco language, culture and poetry.

His translation into Romanesco of Er Vangelo seconno S. Marco has been much praised and often reprinted. Note on translation G. Belli, writing sonnets in Romanesco in the early nineteenth cen- tury, gave an example for Italian poets with his sonnets that showed how dialect could convey the energy of conversation more effectively than stan- dard language.

We translators of dialect into English in the United States do not have dialects to convey that energy precisely, so we try to make our verse sound like people talking. This would seem impossible for A Stick in the Eye, a story over twenty-seven centuries old, but Roberti helps with his deft details and his sudden shifts of style, and makes translating his poem a pleasure, though difficult. You call your country Greater Greece, because you dine on greater grease I guess--and stronger wine!

Tell me what your name is. Anyone will swear I am. But are you single? Do you have a wife? Hitched to the single life. Then the poor fool fell, fell like a stone, like a bull with his throat cut in the Colosseum at a festival. Some promised they were able to slip him a little gift beneath the table; and others talked about friends in high places. Like it or like it not, when all talk ended, all that the lottery threw up were four pathetic bastards no one ever protected.

E mentre Lui strillava la natura diventava rugosa e penzierosa: Chi te fa piagne come un regazzino? Nessuno che me leva, sarvognuno, tutto er punto de vista personale Furious, frantic, fast, Ulysses struck it deeper and turned it like a merry-go-round. At once that moribund volcano hurled forth great eye fragments and little wads of jell out of his monster brain.

He yelled a yell enough to raise goose pimples on the world. As he was screaming, Mother Nature frowned, wrinkling her great face, and started to stir and raised up mountains from the level ground. Beholding earth beneath them relandscaped, many a luminous, uneasy star turned into a comet and escaped. Are you all right? Why have you pulled your cave door shut and hid yourself away from us and out of sight? No One, god damn it! Then, hey, shut the fuck up and quit your belly aching. E le stelle me dicheno: He has published two po- etry chapbooks: His poetry has been included in numerous anthologies and published in local, regional and national magazines and newspapers.

His principal works include: Note on translation The dialect I have translated is referred to by local people as Lancianese, that is the language of Lanciano, a city of 30, inhabitants in Abruzzo. Although people familiar with Abruzzese dialects in general have proved helpful, at times I needed to consult with people who grew up in Lanciano in order to obtain the full flavor of a particular word or expression. Lancianese, like all languages, has evolved over time. Some words and expressions are now extinct. Only go backwards or even better stay nailed to the spot where you find yourself!

Love and song My love, I would compose for you a song one of those hammered and forged in fire, polished the way it should be and blended with notes that are shiny and passionate. I speak and afterwards you speak And what do we say? My Life My life: A sky that often has a hole that at certain times makes like a small window: A wind that, sometimes, if it stops leaves the dry leaves by my feet; What do you find that is good? Of a rose the only thing that you can pick up is a leaf!

A brooklet, even that at times, leaves the stains of melancholy and goes, without getting dirty with mud, singing all by itself along the way. The Song To those who no longer sing, the spirit of life is tasteless To those who sing more, the voice of the heart gets more flavor Concetta I Concetta, your petticoat is too hot swinging every which way as you walk! Cuncette, nche ssu passe vacce piane: Lanciane Bande e campane! Concetta, step more softly as you go: Concetta, my God, why are you running? Take it easy as you walk or the folds of your dress will not fall right! Lanciano Bands and bells!

Here is my dear Lanciano exactly the way it is. Snow All ruffled and with those tiny eyes soaked through and through, that wee bitty sparrow under that snowfall, wretched little thing, looked up at the sky and gave out a cry. He looked for pity from saints and angels at least to keep the snow off of the roof? Bagpipes Snow falls and I hear the sound of footsteps; it is really him, it is the piper that, when I was a kid, just seeing him for me was a good time beyond compare!

But how goes it, if one -- is the bagpipe and the other one -- is the song one sings why, why, do the oncoming years go by more than the festival shines through my tears? He has published articles on Luzi, Montale, Tobino, and film. His translation focuses on Paolo Ruffilli and Davide Rondoni. In these ca- pacities, Rondoni has his finger on the pulse of Italian poetry. Three problems present themselves. First, as a translator, I feel humbled and unnecessary: Second, in this lyric unpretentiousness, cultural- linguistic differences arise.

How does one reproduce the cadences that follow a rhythm found somewhere between thought and dialogue? How does one translate a word that simultaneously exists as the beginning of a new thought as much as it exists as a continuation of a previous thought? Central Park, fine autunno, alberi di seta elettrica e color sangue nel freddo azzurro del cielo che salgono si aprono poi piano che si spengono, ombra che sta venendo, aria che si oscura.

Io chiedo a Oonagh: Senti che grida di barche invisibili. Cosa succede in questa poesia? And it starts, the frosty crown of the skyscrapers, to glisten on the more somber throng in the streets. You hear the shouts from invisible boats. In the dark bay. What is it that happens in this poem? Ripartirai con un lieve turbamento, quasi un ricordo e i silenzi delle scansie di oggetti, dei benzinai, dei loro berretti, sentirai alle tue spalle leggero divenire un canto. Non ho avuto gradoni di pietra su cui disteso perdere sotto il sole il lume della mente, addormentando.

My son, my traveler, your hell, your virtue might be your dog-like or angel-like hearing that detects the turning of the planets and a pill falling into a cup two floors below, where two seniors citizens attend to each other. This roaring love will be your father, your real one. Stop off for a spell in this highway rest-area, from the darkness it will be a pleasure to see you again I had avenues, wide, noisy streets, tall trajectories of by-passes, the open arms of a poor mother veins through which all sorts of things come into the city.

I had tree-lined avenues or swift bouts of vertigo between steel walls and tinted glass. But during the night, when night does come, they recast themselves, new avenues shadowy, lonely avenues, when tall streetlamps illuminate them and the latest adverts fade out. Then they move delicately, branching, perhaps the whole city turns on itself; some end at a castle, others at a cathedral, others dissolve beneath the orange lights of a highway junction — the avenues breath in the night with their wide black plane-trees, their subway gates and sad, singsong lullaby sleeping over the children.

E mentre lui cadeva tu bruciavi maternamente. And as he fell you burned maternally. But your arms on the windowsill before turning back to carbon and in a recollection were comets, Brooklyn bridges of love in the night outside of Milan. And I have taken them [from you, lady, leave those arms to this faraway dance, to the music that I and you from two shores in the shadows eternally share.

The guy who for the whole trip stares at the sealed bag in front of him, the girl with the dyed hair and a pierced lip who wants to tell her life story to a stranger. Leggo nella rivista delle Ferrovie: Materia che non crede a se stessa — come questi viaggiatori, nel sonno che ingigantisce i vagoni nella sera. I read in the Railway magazine: Matter that does not believe in its own being — like these travelers, in a slumber that amplifies the train cars in the evening. She was also awarded an NEA in translation. Raffaele Carrieri was born in Taranto, and lived a vaga- bond life in his teens and early twenties.

He was only 15 when he was wounded, a serious injury to his left hand. He went back to Taranto, but after a brief stay, he sailed again around the Mediterranean visiting various ports including those along the coast of Africa. He worked at many jobs to support him- self, and on his return to Italy, worked as tax collector for two years.

It was during these two years that he started writing poetry, the poems that were collected in Lamento del gabelliere In he went to Paris where he lived for several years among the poets and painters of the time, and where he started writing articles about his travels.

He settled for good in Milan , and worked as art critic. In addition to several books of poetry, some of which won awards, including the Premio Viareggio, he wrote many books of art criticism, and biographies and studies of poets, sculptors and painters. Translating Carrieri In the poems that I translated Carrieri uses many of his briefly in- habited identities as masks, creating a multiplicity of selves: At times, he even identifies with the inanimate.

The adolescent search for identity is given body, substance, voice. And all the personae have some- thing in common but are also different. In translating his work, the challenge was in creating a voice that sounded like the Carrieri in my head: A man who often looks over his shoulder, and narrowly escapes; who comes face to face with death and is seriously wounded, his wounded, damaged hand giving him yet another identity.

But also a weary man of no age, or even old, who expects nothing, wants nothing. The challenge was to create this voice, but also to preserve the variation in tone from poem to poem, the simplicity or complexity of narrative, the muted mu- sic. Their short takes and sharp images. Their impatient, hurried runs.

Also, the shade and connotations are slightly different in English. In poems such as these, there is no room to move. Like the poet, I put my trust in the image. Vedevo sul comodino La ciotola di latte Riempirsi di tenebra E questo ancora vedere E distinguere il bianco Dal nero mi dava piacere. Altro non ricordo Di quella sera. Piccola morte So questo, era un soldato Con un paio di scarpe nuove Che accanto gli stavano A vegliarlo giorno e notte. Each of us knew It was the last evening. My eye and the bowl Were links In the same chain. The day after I survived the other.

Small Death I know this: He was shot in the chest And every time he coughed He turned his sky-blue eyes To look at the shoes That watched like dogs The infirmary cot. He died at five in the morning Saying only these words: Non ho niente Non ho niente Proprio niente Che sia mio. Anche le mani Hanno cessato Di essere mie. Even my hands Have ceased to be mine. They belong to this bony gun which in the dark resembles me.

Waiting for Nothing Light has not been my friend On the earth nor water my sister. The amiable rain water That like a mother puts to sleep The old tax collector And the young frog. I would have liked to close the sky Like a simple door To remain all day Hidden in the grass Waiting for nothing. Journal of Italian Translation Poems in English by Rina Ferrarelli translated into Italian Dreamsearch I was back in that other country again last night those narrow streets familiar and strange. I walked on the worn stone in the shadow of houses looking for a door looking for a face and again I woke up too soon.

Back to the Source Granite and river stone worn by walking, wide sloping steps with short rises the steep descent but not the straight path of a torrent sharp turns and small wide bends where walls jut out alleys come in I always go up in my dreams upstream back to the source.

At your features, your expression. She wanted you to smile off the frame, inside the frame and sometimes you did. Divestiture She unpinned the folds of white linen eloquent of place, loosened the loops and braided knots, and combed her hair into a bun. She untied her apron, took off one by one the pleated skirts, the black jacket with wide velvet cuffs, the padded camisole, the long shirt articulate with lace.

Then stepped into a dress skimpier than a slip, and naked, exposed like that, my grandmother came to America. Linens Plain weaves, twills and herringbones, woven at home linen on linen, linen on cotton. Some are still uncut—a band of warp threads separating one napkin, one towel from the other—but most are decorated with needlepoint lace.

Nei tuoi lineamenti, la tua espressione. Gli altri sono tutti ricamati ad intaglio. My mother, the more delicate one, the one who wanted to get away, sat where the light fell on her hands, and pulling out the weft threads her sister had worked into a tight fabric, restructured the space with floss, white on white openwork borders, arabesqued windows.

Rough- or fine-textured, the linens I was saving were meant to survive soaking in hot water and ashes, milling on the rocks. I machine wash them and when the weather is good, hang them outside, the way women still do over there, stretching them into shape while damp. Most are holding up well; a few show signs of wear, but not from use. It was keeping them safe in a trunk for so many years that weakened the fabric. The Bridge Progress has finally come to the forgotten South. A new superstrada wide and straight as none before bypasses the shelf of road the sharp-angled bridge.

The cross by the roadside reminds the few of us who remember fewer all the time of the men who died there hitting the rocks of the stream when their truck went off the road. Seven men who knew how to do without how to turn in a small place taking nothing for granted. The bridge is crumbling purple flowers grow out of the wall. Ruvidi o fini, i panni che conservavo erano fatti per superare le prove del ranno e delle pietre.

Sette uomini che sapevano far senza, che si muovevano nello stesso piccolo spazio senza prendere niente per scontato. Il ponte si sta sgretolando, fiori viola spuntano dal muro. Broomflowers Chrome yellow against green stems in bunches on the reddish dirt even-spaced rows like a pattern on a quilt.

Is this new or have I forgotten as I forgot the nightingale singing in the trees below the wall— what did I know then about nightingales— the row of stones holding the tiles down at the edge of the roof? On the breeze a whiff of their scent, delicate pleasing. The sun is down now, the sky turning indigo, but their yellow endures on the slope below the parapet. Inside rough bouquets in earthenware jars.

Le ginestre Luccicano gialle contro i fusti verdi a mazzi sulla terra rossiccia file diritte e uguali come i disegni delle coperte nostrane. Dentro casa mazzi alla buona in vasi di terracotta. Italian Translation of Poems by W. Ha lavorato per 30 anni presso la Inland Steel Com- pany di Chicago. Dal al ha lavorato come tutore in Francia, Portogallo e Majorca. Ma soprattutto rimane un poeta che ci sorprende, che continuamente sorpassa le frontiere di una facile ammirazione.

Montale , Litania del perduto Prato , testo a fronte in inglese. Life, when all has been lost and the blame falls on the one who did not throw the rock, the blind man who without that singular limb the leg ripped from the belly in spite of the others, all three straight and strong cannot make his own dog return. Echo falling from the past whale beached upon the future, maybe remedy to an everyday life such conditional going in peace at the end of the rite.

Musicista, traduttrice, scrittrice in italiano, inglese e francese, ha pubblicato racconti e soprattutto poesie: Variazioni belliche , Serie ospedaliera , Documento , Impromptu , Sleep , in inglese. Conto di farla finita con le forme, i loro bisbigliamenti, i loro contenuti contenenti tutta la urgente scatola della mia anima la quale indifferente al problema farebbe meglio a contenersi. Giocattoli sono le strade e infermiere sono le abitudini distrutte da un malessere generale. Toys are streets and nurses are habits destroyed by a general sickness.

Estinguere la passione bramosa! Piazza Nicolai-Merwin-Rosselli-Bigon without passion or wanting to forget it I who burned with passion the passion extinguished in the burning I who burned with pain at seeing passion thus extinguished. To extinguish covetous passion! To distinguish passion from the true yearning for extinguished passion extinguish everything that is extinguish everything that rhymes with is: Extinguish the passion for self! She is also profoundly interested in poetry and has published three vol- umes: On occasion of the 40th anniversary of the Vajont tragedy, she edited the commemorative volume Vajont.

I corpi allungati Salgono le voci al Dio piangente lamento, anime e lance sotto la gola, inchiodano corazze e morsi nel violetto senza pace. Voce solitaria la parola del mondo mi grida dentro, quasi urla. Piazza Nicolai-Merwin-Rosselli-Bigon The Long Bodies Voices lift up to the plangent God lament, souls and lances beneath the throat, nailing breastplates and clamps in the violet without peace.

The mists wrap around the hills prayers, drops of water on the stones. A lonely voice the word of the world that rips me within, almost yells. Others populate the echo of human depth feeding itself on the time and the place, without end. Dressed in black the long bodies are almost lost in the drawn faces of a people consumed by the look of one who is begging for justice no longer in the hour of death but of forgiveness. Grottesco come stare seduti sul ramo di un albero a parlare da soli. Non so se vale la pena fingere che tutto sia ideale. Forse esclude la ragione ma il campo si allarga ovunque ci sia una misura di grandezza, e mentre ci si illude si perdono le radici.

Vorresti il tuo albero quercia di luce con le radici strette nella terra. It is so incredibly distant maybe never a part of this world across what fissure will the camel come to pass? Reality unravels sleepwalking across a surreal landscape, bugs everywhere — blossoming lies with an overview in perspective ascetic glaciers, surviving lymph. Oak Tree or Leaf August flies off like a leaf across the tree tops with someone who blows beneath it to make it fly.

That silvery filament binding spirits to the earth fades away into thin air. You would like your tree as an oak made of light with roots dug deep into the ground. Insistente il falsetto si fa stridulo sapendo di mentire io tu e gli altri. Mattone su mattone costruisci il castello invisibile con le tante serrature a manico. Non rimane che un feticcio di polvere. Voragine di corvo strapiomba il sereno ma non spezza le radici.

Il gesto sonoro segna soltanto una melodia malata. The half-lie scratches insistently aware of its falsehood me you and the others. You pronounce the promise: Brick on brick you build the invisible castle filled with handles and latches. Not even one cloud. What to believe in if all is smoke that pertains to pale longitudes to implausible structures like eddies in the storms? A fetish of dust hangs behind. The musical touch signals no more than a sickened note dissonance that does not frighten the donkey, its bray makes no sense even if nightly the moon lights up its pelt.

In the end what can happen? His translation of Giovanni Raboni will be published this year by Chelsea Editions. Giovanni Raboni, born in Milan in , worked as an editor and critic.


  • Similar Books!
  • .
  • Journal of Italian Translation, Vol. 1, No. 1, Spring | Luigi Bonaffini - vukimobyhyhi.ga.
  • Impromptu No. 2?
  • Borderline: Misunderstood.

His many volumes of poetry are gathered in Tutte le poesie , which was followed by a final collection, Barlumi di storia, in He died in September Giovanni Raboni T he more I have read, thought about, and translated the poetry of Giovanni Raboni, the more convinced have I become that he is one of the great poets, and perhaps the single greatest Italian poet, of our time. Caccia di Diana, a cura di A. Kirkham, Philadelphia ; P. Cinquegrani, Morcelliana, Brescia, , pp. E come ricorda sempre Settis, ad una eloquente immagine di Venere nei panni di Diana Medaglia di bronzo per Giovanna Tornabuoni, ca.

Gli emblemi di Venere: Et apresso allui era una donna vestita di pagonazo sucinta in modo mostrava rneze le gambe. In questo mitico locus amoenus Venere ci appare scorta da Oltre al citato studio di Aby Warburg si veda almeno il recente lavoro di Freedman L. Si veda il bel volume di Lucioli F. Teoria, problemi, fenomeni della riscrittura, a cura di R. Di chi si tratta?

E se emblema e versi richiamano alla nostra mente il celebre dipinto di Venere e Marte di Botticelli Fig. O almeno questa fu la lettura e trasposizione poetica che diede il Poliziano alla vista dello stendardo: I suoi capelli avolti alla testa adorni di gioie et in gamba aveva un paio di stivalecti azurri pareva che decta giovane avessi paura di quella prieta che ardeva et faceva alquanto, vista di fugire. Riprendiamo dunque in parallelo i due scritti poema e cronaca:.

La sopradecta Pallas guardava fisamente nel sole che era sopra a lei. Ai suoi piedi una scritta che diceva: Manca il dettaglio dello spennacchiamento delle ali descritto nei versi del Poliziano, che tuttavia trova in parte conferma nella descrizione di Naldo Naldi: Si cita da Hulubei A. Complessa sembra ad ogni modo la lettura di questo stendardo, oggi come allora. Si veda, Wittkower R. Lo troviamo infatti rappresentato nel secondo stendardo: Il motivo di Amore disarmato e punito era certamente di derivazione petrarchesca e si legava alla tradizione dei Triumphi — che tanti cortei e feste ispirarono per la costruzione del programma figurativo e allegorico36 — e, nello Il riutilizzo dei Trionfi come repertorio visivo di exempla era pratica assai diffusa nelle forme dello spettacolo quattrocentesco.

Sulla manica di una delle donne la scritta: I generi e i temi ritrovati, Einaudi, Torino, , pp. Fu Branca a riconoscere e argomentare il debito del passo del Poliziano con i Trionfi petrarcheschi. Sulla concezione umanistica del sentimento amoroso di veda anche Cieri Via C.

Fra le loro mani anche un drappo con sopra la scritta suddetta Fig. Si veda, Del Lungo, op. Forse vale la pena aggiungere che un riferimento alla IV di Virgilio e a una nuova. Nello scenario della giostra egli celebra la fede — la stessa che vide trionfare Lorenzo sia in amore che in Studi in memoria di Domenico De Robertis, a cura di I.

Tonelli, Pensa, Lecce, , pp. Ossia — come si diceva, sempre con il Pulci della Giostra in esordio — il tempo ritorna, si rinnova I vari elementi figurativi e verbali che composero le due giostre intessono un intreccio di storie e fabule, presentando speculazioni morali, filosofiche e politiche in forme simboliche utili per ascendere a conoscenze sublimi. Entrambi i poemi possono essere letti in una prospettiva ekfrastica che mirava a rappresentare in parola il segno grafico e cinetico della galleria di immagini che componevano lo spettacolo tradizionalmente cavalleresco e politicamente risonante delle due giostre.

In questo articolo, useremo il concetto di performance di Richard Schechner nel senso di restored behaviour, comportamento restaurato , applicandolo allo studio dello spettacolo nel XVI e XVII secolo — e nello specifico allo studio dei tableaux vivants utilizzati durante le entrate regali nei Paesi Bassi. Urban Perspectives, a cura di E. Van Bruaene, Brepols, Per una overview su tale dibattito si veda Leroy F. Su questa genealogia cfr. La performance svanisce o permane? Peggy Phelan, nel suo apprezzato volume Unmarked: Ma questo si legava soprattutto al fatto che per lungo tempo i teorici della performance avevano ripreso gli studi di Arnold Van Gennep e le idee di Victor Turner sulla performance intesa come rituale.

In questa dialettica tra tradizione e trasformazione, le prestazioni possono essere intese come un momento di trattativa. La memoria culturale ha un ruolo importante anche 8. Desideriamo ringraziare Herman Roodenburg per averci segnalato la rilevanza del suo studio per il nostro saggio. Sul topos del teatro di memoria rimandiamo al fondante lavoro di Yates F. Si veda anche Skwirblies L. Schechner definisce il restored behaviour come la struttura di base primaria di tutti gli eventi performativi, dalle performance teatrali e i rituali alle performance e i comportamenti sociali.

La nozione attuale di eventi performativi come espressioni culturali e sociali evidenzia invece una dialettica tra tradizione e rinnovamento, ricordo e oblio, persistenza e perdita. Questa rappresentazione del potere doveva essere eseguita con la massima cura: La stanza della memoria. Antverpia rappresentava un progetto accuratamente costruito che mirava sia ad onorare il nuovo sovrano o governatore che a presentare una lista degli auspici civici.

Naturalmente, le illustrazioni in questi racconti non ci danno accesso diretto alle effettive performance. Gli esiti dei lavori saranno pubblicati in un volume sulla performance e sui resoconti stampati sulle entrate regali e le relative feste. Si veda anche Picturing Performance. Heck, Rochester, University of Rochester Press , pp. Art, Politics and Performance, a cura di R. Goldring, Ashgate, Londra, , pp. Si veda anche Van Bruaene A. Queste entrate servivano a rafforzare il potere della Corona spagnola; pertanto la rappresentazione della sottomissione di Antverpia era ancora una volta determinante.

Tuttavia, in questo caso, come modello non fu scelto il tableau vivant del precedente ingresso asburgico del , Principis Ernesti … , Officina Plantiniana, Anversa, Vedi anche Vandenbroeck P. Si veda Geudens E. Si veda anche Martin J. Putnam, Turnhout, Brepols, La strategia calvinista fu appropriata per onorare gli Asburgo — il nemico giurato — ma, come vedremo, le personificazioni che accompagnavano la Vergine di Antverpia furono adattate alla nuova situazione politica.

Con questo fuoco di Nei resoconti stampati delle entrate di Alberto e Isabella nel Fig. Il medium del tableau vivant I resoconti ufficiali specificano che la Vergine di Anversa, messa in primo piano dal carro trionfale riccamente decorato, era stata costantemente rappresentata attraverso il medium del tableau vivant. Il valore del tableau vivant come un mezzo per presentare il programma politico del comune promotore traeva forza dalla compresenza di componenti prelevati dal teatro e delle arti visive. Come il teatro, il tableau vivant era stato rappresentato dagli stessi Inoltre, i tableaux vivants possono essere relazionati anche alla pittura e alla scultura, in quanto comunicavano un messaggio specifico con una sola immagine.

Grazie alla sua eccezionale combinazione di teatro e arti visive, il medium del tableau vivant era utilizzato non solo per le entrate regali, ma anche per le rappresentazioni teatrali dei rederijkers i retori. Wim Hummelen ha dimostrato che i rederijkers impiegavano un toog tableau vivant nei momenti narrativi cruciali delle loro recite Accadeva, infatti, che i rederijkers erano spesso responsabili di allestire i tableaux vivants per le entrate regali.

Allo stesso modo, il copricapo usato nella scena di Antverpia intendeva probabilmente ricordare a Filippo che il suo potere era stato divinamente concesso: In essa, un attore che interpretava il ruolo di Filippo si inginocchiava di fronte a Dio mentre conferiva le insegne al principe. Proprio come nel primo tableau Anversa si era presentata a Filippo in ginocchio, ora, al termine del La Performance di Antverpia dopo il Un tableau simile apparve nelle entrate dopo il Per queste due entrate la Vergine di Anversa era accompagnata da altre due coppie di figure allegoriche che rappresentavano alcuni ideali del governo: Tali personificazioni poste al seguito di Antverpia esortavano entrambi i governatori a potenziare una politica che contribuisse al benessere del popolo di Anversa, e non al guadagno personale.

Principis Ernesti […] Officina Plantiniana, Anversa, , p. Le illustrazioni delle entrate di Francesco e Ernest mostrano Antverpia seduta su troni simili decorati con putti e figure grottesche. Anche le scale che portano al trono sono rappresentate in modo simile, mantenendo le stesse dimensioni e decorazioni architettoniche dei carri Le medesime corrispondenze possono essere viste nelle illustrazioni delle entrate successive di Alberto e Isabella Fig. A causa sia delle ingiurie del tempo che dei cambiamenti di gusto, furono apportate alcune modifiche al carro, come testimoniato anche dalle incisioni.

Come la processione stessa, anche i cortei della Pentecoste che ebbero luogo in questi anni adempivano al calendario sia religioso che civile. Altri carri tradizionali, come quello portante Druon Antigon, venivano utilizzati sia per la processione annuale che per le entrate regali. Durante la Rivolta, i calvinisti radicali che detennero il potere dalla fine degli anni settanta del Cinquecento fino al termine del decennio successivo, proibirono queste processioni.

Le conseguenze di questo duplice uso implicavano che Tuttavia, il loro scopo nel vietare le processioni civili era stato quello di liberare questi eventi dalle usanze religiose che erano ritenute devianti da una corretta interpretazione della Bibbia e che erano considerate superstiziose. Dopo la riconquista spagnola dei territori meridionali, lo stesso carro trionfale apparve di nuovo, portando Antverpia, sia nelle entrate regali che nelle processioni religiose restituite al loro pieno splendore.

In altre parole, utilizzando lo stesso carro nelle entrate regali e nelle processioni religiose, gli organizzatori chiarivano che la fede cattolica romana e il dominio asburgico erano strettamente affiliate. Questo ci riporta al concetto di restored behaviour. Possiamo, per esempio, guardare al momento preciso della performance di Antverpia come la vediamo immortalata nelle illustrazioni nei vari resoconti ufficiali. Le illustrazioni delle entrate del e del Figg. Inoltre le illustrazioni del e del mostrano Antverpia, invece che seduta sul trono, come appare nelle illustrazioni dal al , inginocchiata davanti al nuovo sovrano o governatore: Mentre la prima Fig.

Molte di queste personificazioni allegoriche erano apparse anche nelle entrate regali prima della Rivolta, come ad esempio la figura di Clemenzia che sedeva sul lato sinistro del trono. Tre giorni dopo, il tableau apparve di nuovo, ma questa volta senza alcuna personificazione. Sarebbe stato difficile non ricordare che Concordia era apparsa sullo stesso carro a fianco al Duca durante il suo giuramento tre giorni prima. A questo messaggio fu data maggior eloquenza con la presenza delle corporazioni militari di Anversa che circondavano il palco e il carro allegorico.

Ma questa evoluzione non fu solo una deviazione dai precedenti cortei. Ad esempio, sia nella scena di benvenuto che in quella del Tempio di Giano Fig. Esaminando il carro allegorico utilizzato per la performance di Antverpia, possiamo vedere che le performances precedenti erano state certamente assunte come modello Fig.

Queste figure dipinte furono ritagliate per simulare forme tridimensionali Comune di governo ideale per il governatore entrante Il seguito di Don Ferdinando guarda con approvazione, e i suoi cortigiani sembrano soddisfatti del dolce contegno di Antverpia e del suo seguito di graziosi ragazze e ragazzi. Una grande bandiera rafforza ulteriormente questa divisione. Scende dal suo magnifico trono accompagnata da un seguito impressionante. Conclusioni Il recente dibattito nei performance studies sul carattere effimero della performance ha notevolmente arricchito la nostra comprensione delle azioni sociali e culturali della performance.

La nozione di Richard Schechner di restored behaviour concettualizza la performance come una ripetizione adattata delle performance precedenti. I tableaux vivants utilizzati per le entrate regali nei Paesi Bassi durante il Rinascimento ne sono un esempio calzante. I tableaux permisero ai cittadini di personificare gli ideali civili, per poi tornare cittadini qualsiasi subito dopo aver lasciato la scena. Gli attori cittadini e, certamente, gli organizzatori che li misero sul palco, sono stati influenzati anche dalla lunga tradizione della messa in scena dei tableaux.

Gli attori e gli artefici di ogni entrata richiamavano alla loro mente il ricordo delle rappresentazioni precedenti e, riferendosi Il contesto specifico di ogni entrata permetteva una continua reinterpretazione e rimpiego degli elementi del tableaux che erano particolarmente significativi.

Nuove domande potevano quindi essere poste al nuovo sovrano o governatore. Il presente saggio ha inteso chiarire il modo in cui la ri-presentazione di Antverpia — prima, durante e dopo la Rivolta — possa essere vista come una forma di restored behaviour. Si veda Lee Goldberg R. Ratcliff, Rizzoli, New York, Nel caso della pratica artistica Beuys ritiene, ad esempio, che ogni cosa possa essere usata: Ecco come spiega la sua performance How to explain pictures to a dead hare: Il Rinascimento non doveva confrontarsi con i disastri ecologici del ventesimo secolo ma, come vedremo, condivise una visione del mondo molto simile a quella espressa da Beuys.

La visione del mondo pre-cartesiana affermava infatti la corrispondenza tra uomo e universo. In questo lavoro si trova una citazione dallo Hexameron III. Un punto fondamentale ad esempio 4. Indubbiamente possiamo estenderci alla natura anche fino al punto di percepirla come un nostro stesso organo, similmente ai soggetti di Beuys. In questo contesto il linguaggio sensoriale di Beuys esprime una visione del mondo fortemente compatibile con quella rinascimentale, producendo alcune arti immersive particolarmente multisensoriali.

Si veda in particolare Clark A. Usano e riadattano la tradizione iconografica trasmessa dalle arti visive per celebrare eventi come le nascite, i matrimoni, gli anniversari o le visite di stato. Notizie sui banchetti rinascimentali sono rintracciabili nelle immagini di soggetto religioso e profano come anche nelle stampe celebrative degli eventi reali. Questa letteratura offre 8. Battista Bonfadino, Venezia, ; Geigher M. Una stampa in ricordo del banchetto fatto a Bologna nel dal senatore Francesco Ratta offre, ad esempio, una buona sintesi delle principali caratteristiche della maggior parte dei banchetti di tale periodo Fig 2 Torce e candele generalmente illuminavano i banchetti Il commento presente nella stampa aggiunge che, per intensificare il piacere visivo del bagliore, venivano collocati alcuni specchi in modo che la credenza potesse essere vista da ciascun angolo della tavola: Le brocche e queste piccole bacinelle servivano anche per versare acqua profumata sulle mani degli ospiti durante il succedersi delle portate In altre parole sono rappresentazioni su metallo di acqua e fuoco pensate per essere percepite nel movimento ottico dato dal flusso casuale delle acque profumate versate sulla loro superficie scintillante.

Nel , per esempio, fu eretta una colonna riccamente decorata per celebrare un matrimonio della famiglia Colonna, mentre Disegni del Convito, cit. Sul tavolo stesso, specialmente durante la prima entrata, gli ospiti si vedono arrivare una serie di sculture sul tema del banchetto fatte di una mistura di zucchero e marzapane. Nello stesso tempo queste descrizioni trasmettono i principali temi ossessivi del Rinascimento: Per una ampia antologia si veda Latini A.

Questi uccelli portavano sovente anche apparati con emblemi e tenevano bastoncini profumati nel becco Gli uccelli di varie specie scappavano da sotto i tovaglioli degli ospiti e giocavano intorno al tavolo per tutta la durata del banchetto Forse il canto degli uccelli era ritenuto piacevole e come la musica era una prerogativa dei banchetti rinascimentali. Oltre al possibile cinguettio degli uccelli, i resoconti sui paesaggi sonori narrano anche della presenza di musicisti, a volte disposti ad ogni angolo della sala del banchetto, e ancora del frequente risuono delle coppe di cristallo rotte dopo ogni brindisi, e, naturalmente, della conversazione degli ospiti Si veda ad esempio Cervio V.

E il primo haveva questo motto nel petto: Due figure in particolare erano importanti: Sebbene la parola Scalco spesso venga tradotta come majordome, la sua funzione differiva da quella di maggiordomo. In base alla grandezza del banchetto poteva essere addirittura assegnato un Trinciante per ogni tavolo. La divisione in tre parti corrisponde alla consueta sequenza del banchetto.

Dolci trionfi e finissime piegature: Spinelli, Sillabe, Livorno, , p. Le osservazioni di Domenico Romoli sul pollo offrono un eccellente esempio di questo genere di scritture: La loro arte era una delle performance dal vivo del banchetto rinascimentale, in cui tagliavano tutto il commestibile in maniera uniforme, con controllata grazia ed eleganza, grazie alla lunga esperienza e alla solida conoscenza anatomica degli animali, dei vegetali, della frutta e persino delle torte.

Geigher, Cervio and Frugoli illustrano i loro precetti attingendo da stampe didattiche. Tuttavia, i Trincianti imparavano il loro mestiere osservando gli altri e facendo pratica nel taglio su pagnotte di pane e cavolfiore Da questo punto di vista gli Scalchi sono anche paragonabili agli artisti del loro tempo e, in particolare, agli artisti di corte: On the Ancestry of the Modern Artist. Si veda per esempio, Pino P. Inoltre, similmente agli artisti, antichi e moderni, gli Scalchi non lavoravano da soli ma coordinavano un gruppo numeroso di lavoratori e assistenti.

The notebooks as experimental field alle pp. Aristotele, De anima, III, 3, b. Le origini di questa pratica risalgono almeno al IX secolo, ma a partire dai primi anni del XV secolo, il suo insegnamento ai discepoli delle scuole delle cattedrali aumenta in maniera significativa, segnando una diffusa presenza della performance polifonica del canto piano nelle chiese europee durante tutto il Rinascimento2. Traduzione dal francese di Francesca Bortoletti. Si veda Blackburn B. Anna Maria Busse Berger ha notato che il contrappunto veniva insegnato ai giovani studenti di Notre-Dame a Parigi nel , a Bruges nel , e in molte cattedrali italiane secondo quanto deciso da Eugenio IV nel Senza entrare in dettagli tecnici che spiegano questi due metodi, vorrei individuare i principi che mostrano come ciascun metodo, a suo modo, sollecita attivamente la memoria.

Infine, vedremo come questi due metodi, apparentemente distanti nello spazio Inghilterra e Italia e nei loro prin3. Le due tecniche sono presentate da Busse Berger A. Si veda inoltre il mio recente libro: Figure e luoghi di memoria nel pensiero e nella pratica musicale tra Cinque e Seicento, in Memory and Invention. Busse Berger e M. Rossi, Olschki, Firenze, , pp. VII, Stamperia di S. Come funzionano questi tre sensi interiori, e che tipo di rapporti reciproci hanno? Pisanelli descrive ognuno in questo modo: Nel suo trattato, Pisanelli assegna dunque un ruolo diverso a ciascuno dei tre sensi interni: In tal modo, essi attivano quei processi di creazione collaudati da tempo dagli oratori nelle loro improvvisazioni.

In effetti, se essi hanno bisogno di una buona memoria per imparare il discorso che hanno preparato in anticipo — e questo spiega il motivo per cui la maggior parte del corpus teorico dedicato alle mnemoniche trova le sue origini negli scritti di retorica — devono anche utilizzare la fantasia quando si trovano in una situazione di improvvisazione.

Imparare il contrappunto nel XV secolo: I trattati del XV secolo che trasmettono questi metodi privilegiano due mezzi che facilitano la memorizzazione degli intervalli consonanti e la loro attuazione. Questo metodo si basa sulla conoscenza preventiva del solfeggio medievale che ha associato alle note musicali una delle sei sillabe ut re mi fa sol la.

A differenza dei metodi di solfeggio correnti, queste sillabe voces musicales potevano corrispondere a note differenti claves in base al contesto melodico. Per consentire la memorizzazione di tutte le note della scala melodica con le loro sillabe corrispondenti, era stato sviluppato un dispositivo mnemonico a partire dal XII secolo. Per una sintesi su tali questioni si veda, Sachs K. Jahrhunderts, in Geschichte der Musiktheorie, a cura di F.

La mano musicale ha rappresentato per tutti i musicisti Fig. Questo sistema permetteva al contrappuntista apprendista di avere facile accesso alla conoscenza di intervalli consonanti memoriz La condizione necessaria e sufficiente per dominare questa tecnica era dunque quella di conoscere perfettamente la mano. Un buon numero di trattati di pratica musicale del Rinascimento riflettono questa vicinanza nella loro organizzazione: A questo proposito si veda Canguilhem Ph.

Inoltre alcune di queste tabelle si trovano anche nei trattati stampati da Guillaume Guerson a Parigi alla fine del XV secolo, e ancora in numerosi trattati Lo studioso indica esclusivamente le fonti italiane, come anche Sachs K. Christensen, Cambridge, , p. La biblioteca comunale Classense di Ravenna conserva infatti un manoscritto ms. Il manoscritto risale alla fine del XIV secolo, ma le integrazioni polifoniche potrebbero essere posteriori.

Il risultato molto dissonante che ne deriva rappresenta secondo lo studioso una continuazione della tradizione del canto in secondi e quarti della chiesa ambrosiana, documentata da Franchino Gaffurio soprattutto verso la fine del XV secolo Inizialmente il cantante doveva immaginare la sillaba corrispondente alla nota del canto piano che egli doveva contrappuntare.

Una volta identificato, poteva conoscere, in base al grado che aveva scelto, quali fossero le sillabe — e quindi le consonanze — a sua disposizione. Durante queste due fasi, la mano giocava un ruolo cruciale: Il sight Il metodo del grado, per poter essere eseguito, necessitava di imparare a memoria un numero molto elevato di serie di sillabe. Prima si dovevano scegliere i suoni pos Atti del convegno internazionale di studi, Arezzo, dicembre , a cura di F. Si doveva quindi essere in grado di combinare queste consonanze tra di loro, tenendo in mente quali progressioni di intervalli erano lecite: Infine, si doveva affrontare la delicata questione delle mutazioni, che richiedeva di seguire delle regole ulteriori, ma indispensabili: I trattati inglesi sul contrappunto descrivono una applicazione pratica di questo modo Pertanto, non sorprende il fatto che le due tecniche fossero spesso congiunte dai commentatori moderni Tuttavia, dobbiamo considerare due differenze sostanziali: Si veda anche K.

La seconda differenza riguarda la visualizzazione nel rigo musicale: La lettura di alcuni trattati scritti intorno al mostra che le due tecniche hanno un rapporto ambiguo: Il manoscritto, conservato a Oxford, Bodleian Library, Ms. Bodley , potrebbe essere di tradizione inglese. La sua mano di contrappunto, molto completa, propone una serie di sillabe entro le sette deduzioni del Gamut.

H iii-H iiiv; da Picitono A. Ringrazio Giuseppe Fiorentino di avermi segnalato questa fonte. Il breve capitolo dedicato al contrappunto si basa su una tabella di consonanze sillabiche, precedute da una sintetica spiegazione sui tipi di intervalli e delle successioni consentite. Bizcargui non esprime un parere isolato: Per un quadro completo della vicenda bibliografia di queste stampe, cfr. Martinez de Bizcargui G. In precedenza, stando a quanto lui stesso dice, avrebbe viaggiato in Italia, Si trascrive da BNM, ms.

Sul contrappunto dei musici pratici, in uso presso gli oltramontani e specialmente presso i Galli. Quem enim a teneris unguiculis ut aiunt greci contrapunctum didicerim vobis decrevi succincte describere. Non tamen ut musicis sit in exemplum: Igitur intellectus prout superius annotavi regulis vel preceptis talem regulam ad componendum minime: Londra, BL, Harley , cc.

Download This eBook

Riproduzione in Sachs K. Questa concettualizzazione della dimensione visiva della musica da parte di un musicista che prediligeva la memorizzazione delle consonanze attraverso le sillabe, trova la sua controparte in uno dei trattati di John Hothby, che propone un percorso inverso: Il testo introduttivo precisa: Si noti che le sillabe mescolano i diversi gradi senza che si faccia mai riferimento a questo concetto. Alcune fonti spagnole contemporanee suggeriscono un andamento simile per gli spagnoli: In un passaggio di questo libro dedicato al contrappunto, Aranda afferma, a proposito delle note che il cantante deve aggiungere al canto piano: Canguilhem Brepols, Turnhout, , pp.

Cerone, tuttavia, non si limita ad una semplice trascrizione: Il passaggio tradotto di Lusitano si trova a p. Traduzione di Giordano Mastrocola. Ivi, X, vii, Stampe Guillaume Guerson, Utilissime musicales regule Paris, ca. Gilbert Reaney a cura di , Johannes Hothby: Albert Seay a cura di , Guilielmi Monachi: De preceptis artis musicae American Institute of Musicology, Corpus Scriptorum de Musica 11 Giovanni Spataro, Ad fare contrapuncto ad videndum sopra el canto piano ca. Il canone retorico si articola in inventio, dispositio, elocutio, memoria e pronunciatio. Ivi, XI, 3, , v.

Ivi, XI, 3, 75, v. Ivi, XI, 3, 62, v. Num igitur non haec omnia oratori necessaria? Quorum unum ad gestum, alterum ad conlocationem verborum, tertium ad flexus vocis, qui sunt in agendo quoque plurimi, pertinet […].

Namque et voce et modulatione grandia elate, iucunda dulciter, moderata leniter canit totamque arte consentit cum eorum, quae dicuntur, adfectibus. Ivi, I, 10, , v. Su questo processo si veda Morpurgo-Tagliabue G. Nella musica, come nella retorica, la dimensione mimetica si realizza tanto nella costruzione, quanto nella realizzazione del discorso. Elementi di retorica, il Mulino, Bologna, , p. La corrispondenza mimetica tra affetti interni e la loro enunciazione esterna attiva la trasformazione metaforica: In un aneddoto narratoci da Anton Francesco Doni, ad esempio, la reazione di uno sprovveduto ascoltatore di fronte ai virtuosismi di Giovan Jacopo Buzzino appare, senza dubbio, straniante: Da buon musico-oratore, Giovan Jacopo cerca un remedium per mediare tra la sua intenzione di straniamento e lo straniamento recepito dal goffo, astenendosi dal diminuire.

Per una bibliografia della trattatistica sulla diminuzione cfr. Per tanto ho voluto in questo secondo far la parte che canta in due modi, e semplice e passaggiata. La passaggiata poi, per quelli che havendo dispositione, non hanno contrapunto da poter formare la diminutione come regolatamente si deve Sul concetto di eleganza cfr.

In questo esercizio va fatta particolare attenzione Quelle cose che appartengono al Cantore sono queste: Gregg Press, Ridgewood, N. Il musico marchigiano elegge il punto di vista percettivo e lo utilizza come criterio di legittimazione della diminuzione, indipendentemente dal viatico dei compositori. I, Girolamo Polo, Venezia, , facs. Plinio, Naturalis historia, libro X, cap. Rostirolla, LIM, Lucca, , pp. La relazione qui riattivata tra ornamentazione e bellezza ha una lunga storia.

Eandem Aristoteles quoque petendam maxime putat. Antonelli, La Nuova Italia, Firenze, , p. Dante, Convivio, II 11, 4. Il rapporto tra memoria In questo caso, i nostri luoghi sono costituiti dagli intervalli cui afferiscono i diversi passaggi, veri e propri serbatoi in cui le nostre imagines di memoria vengono depositate. Tirinnanzi, Milano, , vol. ASF, Archivio Mediceo, filza , 24 agosto Fisiognomica ed espressione nelle arti del Rinascimento, Atti del convegno di studi Torino, novembre , a cura di A.

Pontremoli, Olschki, Firenze, , pp. Solerti, Le origini del melodramma. Testimonianze dei contemporanei, Bocca, Torino, , p. Ronga, Ricciardi, Milano-Napoli, , pp. In tal modo, essi seguivano le preferenze musicali e letterarie del tempo fino a modificarle.

Un ringraziamento va a Paola Besutti per i suoi preziosi consigli, in fase di revisione, sulle questioni termonologiche e concettuali legate alla parte tecnica-teorica musicale. Nel , Andrea Gabrieli pubblica il suo Primo libro dei madrigali a tre voci, una collezione di trenta madrigali raggruppati in nove parti di varia misura1. Si tratta di brevi componimenti caratterizzati da una struttura relativamente semplice, un linguaggio ampiamente diatonico e di proporzioni ridotte, chiaramente destinati a cantanti non professionisti.

Questi madrigali leggeri sembrano infatti del tutto sproporzionati rispetto alla levatura dei testi che Gabrieli scelse per loro, che non sono i versi leggeri di villanelle, greghesche e giustiniane. Il libro comprende, infatti, ottave di Pietro Bembo 1. Andreotti, Ricordi, Milano, Willaert aveva pubblicato un volume di Canzoni villanesche alla napolitana a quattro con la canzon di Ruzante libro primo Venezia, , ristampato due volte , e lo stampatore Girolamo Scotto aveva assemblato due volume di canzoni villanesche alla napolitana e che contengono parole di Willaert e di Francesco Corteccia in entrambi i volumi e ancora di Francesco Silvestrino solo in quello del Inoltre Willaert aveva incluso le sue villanesche e la Canzon di Ruzante anche nel suo primo libro di madrigali Per poter comprendere il volume nella 3.

James Haar ha perseguito questo tipo di indagine nel suo Arie per cantar stanze ariostesche in Ariosto, la musica, i musicisti: Balsano, Olschki, Firenze, , pp. Gli elementi musicali accompagnano e al tempo stesso sovrastano i gruppi poetici per unificare infine la raccolta. Gabrieli compone questi madrigali a tre voci per varie Lo schema tonale rafforza i tre gruppi poetici: Si tratta per la maggior parte di monologhi, un dato importante sul quale La sentiamo inveire in battaglia contro Ruggiero, che rappresenta un irraggiungibile oggetto del desiderio Canto 36; nn.

La scena altamente affettiva fra Zerbino e Isabella rispecchia quella descritta nelle stanze iniziali di Tansillo: Il noto compositore e La onde vedemo etiando a i nostri tempi, che la Musica induce in noi varie passioni, nel modo che anticamente faceva: Le osservazioni di Zarlino sono particolarmente importanti alla luce della storia della messinscena in musica sia dei testi di Gabrieli sia di Tansillo. La sua fortuna musicale fu relativamente esile, almeno per quanto riguarda la stampa. I commenti di Zarlino suggeriscono che il circuito editoriale potrebbe non essere stato il suo modo naturale di trasmissione, quanto invece le performance orali, eviden4.

Giulio Bonagiunta e Giovanni Ferretti lo adattarono come canzone napolitana rispettivamente per tre e cinque voci; Giovanni Leonardo Primavera , Maddalena Casulana e Tiburzio Massaino lo trattarono come un madrigale rispettivamente per cinque, quattro e cinque voci 6. Ruth DeFord elenca fra i testi di madrigal di Bonagiunta e Ferretti quelli che hanno generato adattamenti di canzonette leggere. Si veda, DeFord R. Il punto di vista parallelo di DeFord, citato alla nota 10, nasce da una polarizzazione simile in risposta a tali testi.

Il secondo gruppo nn. La sua conclusione la conduce a non condannare nessuno se non se stessa per essersi lasciata travolgere in un ciclo perpetuo di amore e delusione, fuoco e ghiaccio. Dunque debbo prezzare un che mi sdegna? Debbo pregar chi mai non mi risponde? Ottaviano Fregoso, mascherati da Ambasciatore della dea Venere e inviati a Mad. Lisabetta Gonzaga Duchessa di Urbino e Mad. Emilia Pia, che erano sedute fra molte 8.

Che sol pensando in voi tempri ogni noia? Che le vostre tranquille e pure luci del suo corso mortal segua per duci? Si cita da Einstein A. Sulla collaborazione tra Fregoso e Bembo per queste stanze, si veda Motta U. Ambiti di diffusione e filologia di un genere letterario di confine: Il loro messaggio, anche se consegnato con leggerezza, non era privo di ambizione: Il fatto che le strofe del Bembo, come nota Einstein, Mentre la coppia Bradamente e Ruggero del poema ariostesco evocano la corte di Ferrara, le quattro stanze del Bembo ci portano alla corte di Urbino.

Il libro di Castiglione si tinge di nostalgia. Il tono platonico delle strofe, e del discorso stesso, riflettono il precedente dialogo scritto da Bembo, Gli Asolani , pubblicato a Venezia da Aldo Manuzio nel Un catalogo delle edizioni de Il Cortigiano appare in Burke P. That man, he is already gone. Electronic track sweetened by heart-rending violin and sax, like in a tango Maybe even sweet, in a mufled environ- ment. The end of the story goes with the end of Jinx. Some call that man Cain.

Not a trace of his real name. Chiedete, a chiun- que abbia un potere da difendere, anche minimo, quanti sono, i caini che cercano di portarglielo via. O a chi buca. Sembra uno di coraggio: Un pazzo che ha imparato la prudenza. Entra nel portone nero — odore di cavoli — di una casa antica. Ha scelto una simca verde. Siede davanti, e controlla le armi.

Partecipa per inanziare un trafico di coca. Ha portato le bombe. Alle colline del Margine Rosso, la simca prende un viottolo di terra. Si ferma, al buio. Ask anyone who might have some power to defend, even the smallest, how many Cains have tried to wrest it away. Ask all the paranoid people in the city, those living behind barred and locked doors, with their tvs turned up high, so as not to hear the noises from the stairs.

Or those who shoot up. They know how much of a Cain attitude there is around. A young barbarian, from the immense periphery that has grown like a cancer around the Ciudad. He looks like he might be courageous: A crazy man who has learned to be prudent. The Pula has never caught up with him. They have at time scaught his scent from a distance.

He goes through the dark gate - the smell of caulilower - of some ancient home. He walks through the alleyways of the old city.. The hunchback is the driver. He has chosen a green Simca. Moses leads the attack: He sits in the front, and he controls the guns. The third one is Shrub. He is participating so as to inance his coke smuggling. He is a violent sadist. He brought the bombs. II mitra sulle spalle, e maschere di cartapesta, in faccia, come a Carnevale.

Arrivano al muro di cinta della casa: II ritrovo abituale di certi amici che amano giocare forte: Bar, lungo tutta una parete: Al primo piano, le stanze, per gli amici che smettono tardi, e per quelli troppo ubriachi. Calca un campanello bianco. Dopo dieci passi, spara. Una raffica, un pelo sulle teste. Se vi muovete, se parlate, se strisciate, sparo nel mucchio. It stops in the dark. The four get out of the car, they start their trek through ields of almonds and homes. They arrive at the wall that surrounds the house: The habitual gathering of certain friends who love to play hard: A bar, the length of a whole wall: The toilets are like those in a club.

On the irst loor, the rooms, for those friends who stay until late, and for those who are too drunk. One hundred per bed. There is little talking. The Hunchback and Cain get over the wall, cross twelve feet of shadows, and slip through the open windows of the toilet, on the ground loor. Moses follows the wall to the main gate. He rings a white bell. No security check, neither on the outside nor at the en- trance. Only friends come up here. Moses pushes the gate. He takes ten steps and ires. A burst of gun ire slightly over their heads.

Only the wife of the man who gambled away his wife cries; she did not hear the gun shots. Another burst of gun shots. The third round of shots — the private one crouching behind the door to the patio — is followed by a voice: Be still and quiet. If you move, if you speak, if you try to crawl away I will shoot into the group. The ofice is on the second loor. It is the heart of the villa: I1 Cassiere sviene, quando vede il mitra che spunta dalla porta, e entra, seguito da un mostro giallo coi denti rossi — un Satana colorato male, sulla faccia del Gobbo.

Il denaro, nella cassa a muro, aperta. La inestra del bagno, a piano terra. Il muro di cinta. Mentre salta, Caino spara un colpo. Il privato corre fuori, fra i giocatori immobili proprio mentre una granata scoppia sulla destra, e fa volare due auto ben parcheggiate. Una bomba cecoslovacca piomba fra i tavoli: Il privato si tuffa a terra, colle mani sulla testa.

Cespuglio ha fatto un buon lavoro, dal muro di cinta, colle bombe. II Gobbo strattona la simca per quattro chi- lometri folli, di stradine di campagna. Fino a un casolare, sul bordo di una vigna. Odore di muffa, e di marcio. Quindici a Caino, Gobbo e Cespuglio. Altri cinque a Caino, per le armi che ha pagato, e che ora si riporta via, colla simca rubata. La getta nello stagno, quasi subito. Sembra un operaio nottambulo, con quella borsa appesa sul manubrio. La casa dei Cavoli, nella Ciudad. Detraggo dalla tua quota. The Cashier resides in the ofice, forced to work through the day and hold night hours: Usually, there is a private guard on duty in the Ofice.

But at this moment the private is downstairs, crouching, and hoping that the nut-job shooting from the garden will come forward. When he sees the gun come through the door, followed by a yellow monster with red teeth, a poorly colored Satan on his face, the Ca- shier faints. The money, in the open wall safe.

They grab and run. The toilet window, on the ground loor. Cain ires a shot as he climbs. The private runs outside, through the immobile players, just as a grenade explodes on the right, and two well-parked cars are blown up. A Czeck bomb falls among the tables: The private dives to the ground, his hands on his head. A war has started.

Shrub did a good job, with the bombs from the surrounding wall. The Hunchback races the Simca for four crazy kilometers of country roads. Up to a farmhouse, at the edge of a vineyard. Smell of mold, and rot. Fifteen for Cain, Hunchback and Shrub. Another ive for Cain for the guns he bought, and is now taking away again with the stolen Simca. He drives it into the swamp, almost right away. He comes out of the water with wet feet. He looks like a night-shift worker, with his bag hanging on the handlebars.

Or a farmer who has gotten up very early. The Cab- bage house, in the Ciudad. There is a smell of cat piss now. Give me half of what I paid for them. Voci e coretti che citano forse, Simon e Garfunkel? Quando giocano col sud del continente Sandinista, una band di New York? Autoironia, citazioni, una morbida allegria.

Come avere le fanfare alla inestra, per Caino addormentato. Alle otto del mattino. Una specie di Maratona del mattino, con le note della banda dei carabinieri, nella testa. E lo stomaco vuoto. Pasta-cappuccino-corsa, ultimi dieci metri a passo lento per recuperare il respiro, digerire la pasta, preparare le parole. Non sono ancora le nove: Voices and choir that quote maybe Simon and Garfunkel? When they play with the south of the continent … with only the slightest bit of irony.

Sandinista, a band from New York? Self- mockery, quotations, a soft cheerfulness. A military band, a sort of parade for an anniversary, a national holiday, from Mrs. Like having trumpets at the window for a sleeping Cain. At eight in the morn- ing. A breathless dash to catch the eight-thirty bus, after a shower and a growling stomach - a real shock, for the shits - and then get- ting off at the piazza running to catch the other bus, always tense and a stomach ache. I have to eat. A sort of morning marathon, with the notes of the police band in my head.

And an empty stomach. Croissant-cappuccino-dash off, the last ten meters at a slow pace to catch my breath, digest the croissant, and get my words in line. Cain is in love. It is allowed, within the limits allowed a Cain: Neither Cain nor Anyone else. Cain is the dearest of friends.

Having said all this, what is left is the most important, at least for Cain: Daisy Duck is quite a dish: The bed could turn into quite a mess. Paperina, non ci sta. Corrono, affianco al mare, ancora quasi vuoto: Paperina ha voglia di fare una nuotata, e stoppa in un tratto fra mare e pineta, e si sveste di corsa. Lei, sempre dieci metri avanti. Una maledetta campionessa di nuoto.

Ore undici e trenta: Il borsello prende il volo, e i due scattano come fulmini cen- tometristi verso la Honda, ma Paperina sta ancora soltanto mettendo in moto che — quello comincia a sparare: Lenti come lumache, e viscidi e imbroglioni. In the warm June of these parts: They run along the still mostly empty sea: Beach time is at noon. Daisy Duck wants to go for a swim, she stops between the beach and the pines and quickly undresses. Again, at a run. Everything off, lying, and she is already in the water, laughing.

She, always ten meters ahead. A damned swimming champion. They come out of the water, unfurl the towels, stretch out in the sun. Thirty seconds later, Daisy Duck is wide awake and is point- ing to some blondish guy who seems to be German: The Nazi has to stop - time enough to call the police, because one of His fucking bullets hit a tire. Slow like snails, and slimy crooks.

Caino preferisce colpire al buio, e con molti ripari. Queste mattane gli scassano il sistema nervoso. Le vanno, le azioni di coraggio. Lei lo molla al volo a un passo da casa, e corre a rifugiarsi, in un posto sicuro, per un mese buono. Una maledetta banda dei carabinieri, in testa. Almeno fino a domani. Repubblica ha rivelato che lo ascoltano a Parigi, a Londra e nelle capitali dello spettacolo.

Grazie, Repubblica, che dai cibo alla nostra fame. Il raccontino cerca di rispettare la punteggiatura della musica. Sabato mattina, visita parenti. Ha le bocche di lupo, le garitte di guardia, le mura di cinta, i fucili mitragliatori puntati. Cain, is a cold chill, nerves, fear. Cain prefers to hit in the dark, and plenty of cover. These sorts of outbursts wreak havoc with his nerves. And they are going to give him a stomach ulcer. Daisy Duck is calm. She goes for gutsy things. She lets him off on the ly near his place, and goes off to hide, in a secure place, for a good month. He will take a trip.

With the light that leaves in an hour. A damned band of police, ahead. At least until tomorrow. Happy Feeling by Manu Dibango, from the album Ambassador, from Manu Dibango has become rather important. The newspaper La Repubblica said that they listen to him in Paris, in London and all the entertainment capitals. Thank you Repubblica, for feeding our hunger.

Good sauce, of course. This little story tries to respect the musical syncopation. Saturday morning, family visitation. It has basement windows, sentry tow- ers, surrounding walls, machine guns at the ready. According to popular tales, the architect who dreamed it up, and the engineer who built it, both died suicides, after they saw the end product. Piccolo entra nel portone alto fatto per mettere paura. Piccolo ci ha le palle, ma le porte che si chiudono lo fanno tremare.

Dieci minuti, cogli occhi del mitra a un passo e mezzo. Mammai sa vivere con gioia. La cicatrice e gonia, e viola. Due ergastoli, deve scontare. Due, i cristiani ammazzati. Squarciato col coltello grande di cucina e trascinato sotto il ico del cortile: Mammai recita la solita litania di lamentele: E rancido di donne sporche. Dice che non riesce a farne a meno. II mondo, dico io, ci ha il culo al posto della testa. Piccolo has balls, but the closing doors scare him. Ten minutes, with the eyes of the machine gun a step and a half away. Mammai knows how to enjoy life.

The scar is swollen, and purple. Souvenir of a pruning hook, when the family was together, and Babbai still living liked to prune every now and then, in the euphoria of good wine. She has to serve two life sentences. Two, the good christian souls killed. Ripped open with a large kitchen knife and dragged under the ig tree in the courtyard: The sausages were good that year: Babbai was a pig and a drunkard, he had been tender only once, just once, in his whole mortal and immortal life, after the hog had digested him.

Mammai goes through the usual litany of complaints: They put Gigliola in isolation. I think the world has its asshole in place of its head. And yesterday she went crazy, instead of banging her head on the wall she banged it against a guard. Thirty days of therapy for that. Oh, anche gli sbirri, sembrano budino. A lei piacevano gli sbirri di un tempo. Ha persino nostalgia, di quello che aveva resistito quattordici minuti di orologio, ai suoi cazzotti.

Ah, era un uomo. Era successo quando Mammai si era arram- picata sul tetto, a respirare. Le mammelle di Mam- mai: Grandi come angurie e bianche come formaggio fresco. Al quindici era morto. Cosi, il direttore aveva dato ordine che attendessero, e lei era tornata quando era venuto il buio. Ha paura di tornare a casa: Cosi non spreca il tempo.

Aveva le labbra rosse ributtanti di una zingara. Altri avrebbero dovuto, da tanto. Comprava le anime, per strada. He almost died because of a head-butt; he quit and is looking for work as a bricklayer. She like the old-fashioned guards. She is even nostalgic, of the one who had resisted her punching him out for a good fourteen minutes. Ah, he was a man. It happened when Mammai had crawled up onto the roof, just to get a breath of air. Huge like watermelons and white like rounds of fresh cheese. That guard, the one of the four- teen minutes, had climbed up on the roof and wanted to take her down.

At the ifteenth he was dead. The warden had then ordered everyone to wait, and she had come back when it turned dark. It was cold, on the roof. Bring me the Grand Hotel magazine. He is afraid to go home: He lets himself be tempted by a car stereo.

Pasquale Paoli; ossia, la rotta di Ponte Nuovo by Francesco Domenico Guerrazzi

So as not to waste time. I killed the woman. She had the red disgusting lips of a gypsy. Someone else should have done so, a long time ago. In any case, she deserved it. She bought souls, in the streets. I mixed my steps up in the city, along shop windows. If I ripped up my documents, it was not out of fear. Per imporre rispetto, e cominciare bene, come si conviene, e un poco a modo mio. In sole sette notti cancellai i ricordi.

In soli sette giorni cambiai faccia. Mi diedi da fare. Si diverte, la gente, a spaventarsi. Quanto a questo, era un uomo di coraggio. Venne una Carmelitana labbra di biacca, mezza bianca mezza nera, cosce chiare e pizzi viola, parole di scirocco. Venne Benda Rossa dei Pirati lingua fra i denti di riso, non parlava ma, Dio, sapeva camminare, culo di colomba. Venne una donna rara, una che regalava, guardava dritti gli occhi, e buona mercanzia, sudore di letto caldo.

Venne una donna vera col ventre al posto giusto e labbra di farfalla, delirio di una notte senza sonno. Vennero Labbra Rosse di una solitudine stanca. La donna abbandonata e triste che. In only seven nights I erased the memories. In only seven days I changed face. I worked hard at it. When the new man that I was walked out into the street, an orchestra played, and the sun put on a show in red. The city, half was going crazy and the other half had locked itself in, afraid. People have fun at being scared. The new man aimed his colors and decided to pass. In this, he was a courageous man.

There came a Carmelite with leaden white lips, half white half black, pale thighs and purple lace, sirocco words. The new man replied no. There came a rare woman, with many gifts, she gazed straight into your eyes, and good merchandise, the sweat of a warm bed. There came a real woman with a womb in the right place and butterly lips, delirium of a sleepless night.

Of course, he said no. The new man that I was did not look at women. Neither lace nor sirocco. Neither roses nor apple nor seawater. Neither tongue nor ass nor gifts nor bed scents, wombs nor butterly lips. The new man that I was knew his road: There came Red Lips of a tired solitude. The abandoned and sad woman who. I followed her through the alleyways of the city, the new man in heat; they brushed hands at the corner, livid car lights, a step from home. This is how it happened: Solita storia di donna abbandonata, i pianti e le sfortune.

La stanza divenne azzurra di sorrisi, e calda di letto. Ben presto, il miracolo fu fatto: Pose lui, il prezzo: Aveva labbra rosse ributtanti di una zingara. Comprava anime, per strada, e non pagava il prezzo. Per imporre rispetto e cominciare bene, come si conviene, e un poco a modo mio. Quel sax, non smette di suonare. The new man ran after her down humid stairs, down to the lair of past love and resentments. He lay his head down, softly, listening. The usual story of abandoned woman, the tears and misfortunes. The new man invented bells, and laughter. The room turned bright blue with smiles, and warm like a bed.

Soon, the miracle happened: The new man, who works free for no-one, asked to be paid for the restored soul and the spent effort. He set the price: She burned the open hand that held her, vendetta. She bought souls, in the streets and did not pay. The old night porter, there at the hotel front desk, I crushed his glasses into his eyes. Oh, the perfume, the smell of the hotel, so much scent of woman, the adulteress leeing and forgetting her goodbyes, the sound of water running and alleviating the pain of slap, doors broken down by the cuckold husband, gun shots, the blonde dying on the stairs.

That sax still playing. When the new man that I was went out into the streets, an or- chestra played and the sun put on a show in red. She is a poet and literary translator, writing both in English and Italian. Her poems are found in numerous literary magazines and websites in Italy and abroad, as well as in many thematic and group anthologies, the most recent of which are Varianti urbane ; Sempre ai conini del verso: Since she has been a member of the Compagnia delle poete and with them has performed in various Italian and foreign cities. She was for many years English-language translator for El Ghibli, a website specialized in immigrant writing in Italian.

Selected Poems of Mia Lecomte, Toronto Robustelli, the anthology Corporea: Mia Lecomte lives between Rome and Paris. Her poems have been published in Italy and abroad, in poetry magazines and anthologies including InVerse. In Guernica Editions has published her bilingual poetry anthology For the Maintenance of Landscape.

A translator from French, Mia Lecomte is a critic and editor in the ield of comparative literature, especially as regards trans- national literature. She edited the anthologies Ai conini dei verso. Poesia della migrazione in italiano , Sempre ai conini del verso. The Poetry of Migrant Writers in Italy ; she frequently lectures on this subject in Italy and abroad.

She is on the editorial board of the bi-annual journal of com- parative poetry Semicerchio and of various online literary sites, including the tri-monthly El-Ghibli. She is a contributor to Italian edition of Le Monde Diplomatique. Studiato malamente , bevuto molto, pesante , mi ero drogato meno, leggero , non mi ero mai innamorato non sono un tipo passionale e per questo avevo sposato la donna giusta una qualsiasi.

When a few years ago it seems like only yesterday they made the proposal I was to tell the truth taken aback: And I accepted, even willingly after all, what else could I have done? And at the time the proposal seemed quite attrac- tive or anyway not outrageous. What had I done before my middle age? No children there was still time , or friends even more time or even a ixed home, really.

Allora lasciano un messaggio nella nostra segreteria telefonica voce preregistrata di confezione, onestamente impersonale: Richiameranno o vuole dire che non era il caso.